sabato 13 agosto 2011

Tassa di Soggiorno a Venezia

La tassa di soggiorno a Venezia verrà introdotta il 24 agosto 2011. La tassa di soggiorno è una misura tra le peggiori che si potessero prevedere a Venezia in un periodo di crisi quale quello che stiamo attualmente vivendo. La tassa di soggiorno, imposta dal Comune di Venezia (sull'esempio di Roma e Firenze), dovrà venire riscossa dalla strutture ricettive e sarà un fastidioso balzello che funzionerà da ulteriore deterrente per chi vorrà rimanere qualche giorno nella Città dei Dogi. 
Ma andiamo per ordine. Ogni turista dovrà versare nella struttura dove soggiornerà una somma per ogni notte trascorsa. Tale somma sarà di un euro per alberghi di una stella, 2 euro per alberghi a due stelle, e così via. Sono previste due stagionalità (alta e bassa) e varie riduzioni, ma il disagio rimarrà. Facciamo un esempio. Una famiglia composta dai due genitori e da due figli con più di 16 anni, per un soggiorno a Venezia di 5 notti in un hotel a 2 stelle dovrà sborsare 40 euro extra, in un bed and breakfast pagherà invece ben 60 euro di più. Badate bene, i soldi verranno riscossi dalle strutture ricettive, ma le somme andranno poi versate all'Agenzia delle Entrate del Comune di Venezia. Il Comune sostiene che le somme derivanti dalla tassa verranno utilizzate per migliorare i servizi in città, ma più di qualcuno sostiene già che la tassa di soggiorno abbia solo la funzione di rimpinguare le casse vuote dell'amministrazione locale. Vediamo adesso i disagi  per gli albergatori. Dovranno farsi carico di spiegare a tutti i clienti che essi dovranno pagare la tassa oltre alla tariffa dell'albergo, sperando che i clienti siano comprensivi. Gli albergatori poi dovranno tenere un registro con tutti i pagamenti e versarli al Comune ogni tre mesi. Sappiamo bene quanta importanza rivesta il turismo a Venezia e non si capisce perché si voglia spremere ancora di più chi si ferma in città per qualche giorno piuttosto che gli escursionisti che vi rimangono dalla mattina alla sera. Questi ultimi sono i responsabili del caos indescrivibile che si vive quotidianamente a Venezia nel periodo estivo e sono quelli che producono quintali di rifiuti che vengono asportati con i soldi dei contribuenti veneziani. La tassa di soggiorno così com'è non serve a niente se non ad affossare il turismo, quello vero. A mio parere si dovrebbe far pagare agli escursionisti l'entrata a Venezia, che essendo un'isola è raggiungibile solo da alcuni punti, ed è quindi più controllabile. Se ci fosse un biglietto di entrata, diciamo tanto per fare un esempio, di 20 euro a persona, questo dovrebbe dare libero accesso ad alcuni servizi, come il trasporto pubblico, e consentire l'entrata gratuita a chiese, musei e bagni pubblici. Dal pagamento del biglietto di entrata andrebbero esclusi proprio i turisti, che già pagano il loro soggiorno, i residenti del Comune di Venezia e di tutto il Veneto. Credo che questa misura ridurrebbe si il numero di presenze in città, ma ridarebbe nuova linfa ad un turismo di qualità attualmente soffocato dagli escursionisti. E come amara considerazione aspetto di vedere come verranno utilizzati i 20 milioni all'anno (e forse più) che il Comune di Venezia si aspetta di incassare con questo sistema.
Voi cosa ne pensate della tassa di soggiorno?

16 commenti:

Condorcet ha detto...

Concordo con te e spendero' meno a Venezia (già carissima).

ytaba36 ha detto...

One of the things I don't like is that people like you are forced into the role of tax collectors for the city. This will add to your workload, and will bring extra book keeping headaches.

I agree that it is a shame that the people who are choosing to stay for more than a few hours, and who will already be contributing to the economy of Venice, are the ones who will be paying this tax. It is not a big tax, but may be just enough to discourage some of the very people you want to see come to Venice ... the ones who will stay for a few nights or more.

I also wonder about the manner in which this extra money will be used. Governments are not noted (anywhere in the world), for their wise decisions in financial matters!

Best regards.

Yvonne

emilia ha detto...

Guardando i bed and breakfast a
Roma in internet la scorsa settimana ho notato questa tassa di 2 euro che per me era una novità... Che dire, la pagherò a settembre per stare a Venezia ma poi non dovrò vedere nessuna cicca in nessuna vera da pozzo, nessun lucchetto su un ponte, niente che piange per un restauro...

Gabriele da Firenze ha detto...

Ciao Fausto, a Firenze c'e' da pochi mesi e i dubbi erano quelli che hai espresso te.

Mi riferisce Castellani che ancora non sa a chi e come versare i soldi della tassa. La procedura e' complicata, sembra tutto molto confuso e non ben definito.

I turisti pero' sembrano aumentati. Non so', sara' l'effetto Renzi...

Anonimo ha detto...

Credo che non é una buona notizia per i turisti, perché é gia cara la vita in Venezia! Se il denaro raccoltato é bene utilizzato, puo essere utile, ma........
Ho l'impressione che il turista é preso come ostaggio. E peccato.Senza parlare del lavoro per gli hotel!

Nous devons venir 15 jours en avril, il nous faudra donc payer encore un peu plus cher...Mais l'on dit en français que "quand on aime, on ne compte pas"!

Bonne fin de semaine. Louis

Anne ha detto...

Fausto, en effet cette mesure est nouvelle. Nous avons payé cette taxe à Rome dès le mois de juillet. Nous ne la déplorons pas si elle permet d'aider au financement d'améliorations pour la vie de chaque cité visitée (entretien, propreté, etc...). J'espère seulement qu'elle ne sera pas dissuasive pour le tourisme. A Venise en particulier, trop de touristes "déferlent" des bateaux immenses pour la seule journée. Ils repartent le soir sans avoir vu ni compris grand' chose, à mon avis, car Venise mérite qu'on passe du temps à la découvrir.
Anne

www.VeniceFace.com ha detto...

Siamo invasi dai Turisti, non cambierà niente, neanche per il Comune destinato al baratro!
Vi aspetto tutti anche nel mio nuovo sito www.VeniceFACE.com, abito a Venezia Castello vicino ad Alloggi Barbaria.

Gianfranco Dall'Omo ha detto...

Io non sono d'accordo che questa tassa venga pagata da coloro che soggiornano a Venezia, sia una notte che più. Sarei d'accordo invece di far pagare un entrata ai mordi e fuggi perchP questi ventgono a Venezia pèr un solo giorno e sporcano in modo orrendo la nostra città. Difatti arrivano a orde i campagnoi (campagnoli) che di arte non capiscono un ca... e lordano la nostra città con i resti di paninini imbopttiti sacchetti di patatine ecc. Arrivano in pullman ed il pullman paga questa tassa, ma quelli che arrivano in treno o su bus di linea non pagano niente. Si trovi il sistema di far pagare questa orda di barbari e si tolga la tassa di soggiorno in hotel.Gianfranco Dall'Omo

Pier ha detto...

è chiaro che siamo alla frutta, l'introduzione di balzelli, il solito inguacchio all'italiana, che aggiunge problemi e non migliora il servizio e soprattutto colpisce i soliti idioti. Chi verificherà la rispondenza presenze/versato? si apre la consueta terra di nessuno.
Non credo si tratti di mancanza di soldi ma di come vengono spesi quelli (pochi)che ci sono, dispersi in clientelismi e mazzette.
Chi adotta queste misure impopolari e spesso poco influenti ai fini di bilancio, lo fa nella cieca speranza di non intaccare i propri privilegi, stipendi sproporzionati al ruolo, competenze inadeguate etc...

Giappone Mon Amour ha detto...

Notizia funesta...

Occhi blu ha detto...

Sono appena stata a Firenze in un Hotel 4 stelle che mi ha fatto pagare la tassa di soggiorno di Euro 4 per notte.
In un primo momento ci sono rimasta male, visto che venivo da Pisa dove in un Hotel 3 stelle non mi avevano fatto pagare nulla.
Quando, però, l'albergatore di Firenze mi ha dato un foglio in cui era scritto in italiano e altre lingue che era stato il Comune di Firenze ad istituire nell'anno xxxx tale tassa che deve essere versata all'albergatore mi sono rasserenata anche se non ho potuto esimermi dal commento seguente.
"Si dice tanto che Venezia è cara, ma Venezia non ha la tassa di soggiorno e Firenze sì!"
Mi spiace apprendere ora che anche Venezia avrà il suo odioso balzello.
Penso, comunque, che dare al cliente un foglio sulla falsariga di quello che ho ricevuto a Firenze possa rasserenarlo nel caso in cui avesse il dubbio che possa essere l'albergatore a chiedergli soldi in più, con l'intenzione di fregarlo.

Fausto ha detto...

Condorcet: Venezia è cara più o meno come le altre città d'arte italiane e meno di altre capitali europee (come Parigi). Spero che spendere meno a Venezia non significhi anche visitarla di meno o rinunciare all'entrata a qualche chiesa o museo.
Buona domenica.

Yvonne: I am sorry indeed to have become a tax collector. :O(
It's too bad forcing to pay those tourists who choose to visit Venice for a few days rather than those who visit the city from morning to evening.
Kind regards.

emilia: Se fossi in te non mi farei troppe illusioni su come verranno utilizzati quei soldi, purtroppo....
Ciao.

Gabriele: Anche qui la procedura per versare i soldi è piuttosto macchinosa ed incerta. In effetti a Venezia i turisti sono aumentati ma sono disposti a spendere sempre meno.
Un saluto a te e al signor Castellani.

Louis: I turisti a Venezia vengono troppo spesso considerati come dei limoni da spremere. Il risultato è che poi essi si possono sentire sfruttati e potrebbero provare disaffezione per la città. Un rischio che Venezia non dovrebbe proprio correre.
Buona domenica.

Anne: Je crois aussi que ceux qui visitent Venise pour une seule journée ne peut pas comprendre le charme de cette ville magique. Je pense que Venise a plutôt besoin d'un tourisme plus qualifié pour continuer à vivre.
Bon dimanche.

www.VeniceFACE.com: Io invece ti aspetto ad Alloggi Barbaria per salutarti.
Ciao.

Gianfranco: Sono convinto che grossa parte del problema siano i vacanzieri provenienti dalle spiagge del Mare Adriatico. Essi lasciano i litorali per un giorno e si riversano a Venezia causando gli ingorghi di cui siamo testimoni tutti i giorni d'estate. Credo che limitando gli escursionisti la città tornerebbe quasi alla normalità.
Ciao.

Pier: Condivido il tuo pensiero. La tassa di soggiorno è un balzello odioso che non potrà risolvere alcun problema ma che ne potrà creare altri al turismo.
Ciao.

Giappone Mon Amour: .... Ma che purtroppo dobbiamo rendere nota a chi intende soggiornare prossimamente a Venezia.
Buona domenica.

Occhi blu: Farò tesoro del tuo consiglio e metterò a mia volta in bella vista dei fogli in cinque lingue che spieghino le "ragioni" della tassa di soggiorno. Grazie. Spero che da me gli ospiti avranno la tua stessa comprensione.
Ciao.

Occhi blu ha detto...

Felicissima, Fausto, di esserti stata utile.
Ho cercato il foglio in questione in italiano, francese, inglese, spagnolo e tedesco, ricevuto dall'albergatore insieme alla fattura, che pensavo di aver buttato via.
Te lo trascrivo pari pari. Penso possa servirti da ispirazione.
Ciao.

***************

SIMBOLO COMUNE DI FIRENZE

Dal 1 luglio il Comune di Firenze ha istituito l'imposta di soggiorno con deliberazione del Consiglio Comunale n. 230/33 del 20/06/2011.
L'imposta si applica sui pernottamenti dei soli non residenti nel Comune di Firenze e per un massimo di 10 pernottamenti consecutivi.
La misura dell'imposta per questa struttura ricettiva è di Euro 4.00 a persona per notte.
Sono previste le seguenti esenzioni:
- i minori fino al compimento del decimo anno di età;
- i soggetti che assistono i degenti ricoverati presso strutture sanitarie del territorio, in ragione di un accompagnatore per paziente;
- i genitori, o accompagnatori, che assistono i minori di diciotto anni degenti ricoverati presso strutture sanitarie del territorio, per un massimo di due persone per paziente.

Fausto ha detto...

Occhi blu: Grazie ancora!
Buona settimana.

perla ha detto...

Visto che questo nuovo balzello è destinato alle tasche del Comune, perchè non trasformarlo in un "bonus"o riduzione per i trasporti o le entrate ai musei?E' assolutamente ingiusto che solo chi soggiorna in hotel sia penalizzato e gli si addebitino costi aggiuntivi. A lordare la città sono principalmente i visitatori di giornata, quelli che arrivano con i pasti al sacco per vedere il "museo a cielo aperto" e alla città non lasciano che le loro immondizie

Fausto ha detto...

perla: Concordo su tutto quanto hai scritto.
Ciao.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails