giovedì 28 luglio 2011

Vera da Pozzo Imbrattata


Una vera da pozzo imbrattata a Venezia. Sono infatti costretto a segnalare ancora una volta un atto vandalico ai danni dell'arredo urbano della città. Il vandalismo perpetrato sulla vera da pozzo si è verificato la scorsa settimana in Campo Santa Margherita, ed è tanto più grave se si considera che essa era stata completamente ripulita dalle scritte dei writers nel mese di aprile scorso. L'intervento di recupero era durato per delle settimane ed aveva riportato la vera da pozzo al suo antico splendore. La ripulitura della stessa era stata effettuata con i soldi dei contribuenti. Adesso si dovrà ripulire la vera da pozzo imbrattata per l'ennesima volta. Sembra che il responsabile della scritta sia già stato preso dalle forze dell'ordine e si trovi in custodia alle carceri di Santa Maria Maggiore. Si spera che un trattamento severo del caso possa dissuadere in futuro il verificarsi di fatti simili.

9 commenti:

Maura ha detto...

Proporrei come adeguato indennizzo la pulizia delle scritte a carico degli autori catturati, anzi, pulizia di dieci scritte per una, tanto di sicuro non è l'unica. Vorrei anche proporre l'uso della lingua (sempre degli imbrattatori...) per la pulizia, ma capisco che i detergenti sono più efficaci e mi adeguo ad una logica utilitaristica. Ci sono per caso notizie sul trattamento che la Serenissima in pieno fulgore riservava a casi simili? Sono lontana da Venezia da Maggio e in tragica astinenza.... Ma a Settembre GIURO di esserci per un po'. Saluti.

mirajeu ha detto...

C'est scandaleux et grave en effet de s'attaquer ainsi aux monuments quels qu'ils soient.
Je suis impatiente de revoir Venise, et ne souhaite pas faire ce genre de découvertes.
J'espère que mes libérations de livres sur les puits ne sont pas considérées comme du vandalisme ! Je souhaite en laisser un autre devant la Fenice comme celui-ci il y a deux ans : http://images.bookcrossing.com/images/journalpics/128/98/12850398.jpg
A "vraiment" très bientôt, Fausto !
mirajeu ☺

ytaba36 ha detto...

Buongiorno, Fausto

Thank you for reporting this crime, and that is just what it is! They should make that criminal (and he IS a criminal) scrub this, and 10 other vera da pozzi with graffiti, to see what work this type of "little prank" causes. Your Venice is too precious to vandalise in this way. It makes me very sad, and very angry.

Yvonne

Randy Bosch ha detto...

Since the "artist" is so proud of the public work, in addition to funding clean-up perhaps having the graffiti tattooed on the "artist's" forehead would be good for all.

Les Idées Heureuses ha detto...

Ils sont souvent tagués!!!Si ils ne servent pas de poubelles ou de siège!
Alain est resté un long moment devant un puits magnifique pour le prendre en photo et à la fin il a demandé à la personne, toute étonnée, si elle pouvait descendre du puits pour faire une vue appréciable. Elle doit encore se demander de quel droit on a osé lui déranger le "fessier".

Laura ha detto...

Ogni volta che passo per Santa Margherita mi viene da piangere guardando le due vere da pozzo. Lo schifio di rifiuti lasciati dagli studenti ogni notte e' intollerabile. Quest'ultima visita a Venezia mi ha lasciata fortemente amareggiata per il menefreghismo rampante della popolazione che usa gli spazi antici e unici.

Farei anch'io pulire o almeno farei essere presente il vandalo durante i lavori di pulizia della vera. Un po' di linciaggio verbale non farebbe male.

E lo schifo lasciato durante le "celebrazioni" di laurea di ieri?

Tristezza.....

Anonimo ha detto...

Adesso é diventato un fenomeno di societá. Alcune persone prendono molto piacere rovinando e sporcando le cose piu belle, come si preferissero vivere nella bruttezza e porcheria ! Per me é incomprensibile. Non puo essere un mezzo di espressione agire cosí!
E é una pena per gli amanti della bellezza.
Saluti. Louis

Gianfranco dall'Omo ha detto...

Non basta il carcere per quel bastardo, bisogna che lui rimborsi le spese per la pulitura, deve pagare. Gianfranco Dall'Omo

Fausto ha detto...

A tutti i lettori: Mi unisco al coro di sdegno che è stato espresso unanimemente. Come qualcuno ha detto, anche io non limiterei la pena a qualche giorno di prigione, ma piuttosto alla perfetta pulitura di quanto lordato. Se chi imbratta fosse costretto a pulire, poi forse capirebbe quanto sia duro riportare il marmo alla sua bianchezza, naturalmente senza essere retribuito. Auspico che non abbiano a ripetersi a Venezia altri vandalismi, ma prendo atto che la mancanza di rispetto, in generale, si fa sentire sempre di più.
Buona serata.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails