giovedì 13 giugno 2013

Alison Lapper Pregnant


Alison Lapper Pregnant è un'opera gonfiabile alta 11 metri di Marc Quinn. Alison Lapper Pregnant rappresenta una donna focomelica e incinta ed è posta sul piazzale antistante la Chiesa di San Giorgio Maggiore. Il contrasto tra essa e gli edifici sacri retrostanti è rilevante. Quest'opera gonfiabile, data la sua notevole mole, è visibile da tutta l'area circostante e non lascia di sicuro indifferente chi la osserva. Alison Lapper Pregnant fu già esposta a Londra in occasione della cerimonia di apertura dei Giochi Paralimpici. 
Mi piacerebbe proprio conoscere l'opinione di chi tanto ha denigrato "Boy with Frog" alla Punta della Dogana, il cui impatto sull'ambiente circostante rispetto a quest'opera era, a mio avviso, davvero minimo. A tale riguardo, ci saranno nuove raccolte di firme tramite petizioni per far togliere l'opera gonfiabile o stavolta non ci saranno problemi? Alison Lapper Pregnant rimarrà esposta per tutta la durata della 55. Biennale d'Arte di Venezia. Per vederla da vicino si dovrà prendere un vaporetto della linea 2 e scendere all'Isola di San Giorgio.



8 commenti:

stephanie dupont ha detto...

io non mi intendo di arte,ma di c io che mi piace ...e questa cosa a san giorgio maggiore,non mi piace e di certo neanche averla messa li e bello.....
buon week end fausto

Veneziamia ha detto...

Si le but est de choquer par une telle horreur, c'est réussi....
A bientôt à Venise, mais j'espère que cette chose aura disparu d'ici là !!!!

Lunablu ha detto...

Certo l'impatto di questa installazione è molto forte, a me personalmente piace molto, soprattutto considerando che Alison Lapper è una persona reale, una donna coraggiosa e un'artista interessante...e la collocazione davanti ad una chiesa secondo me è in questo senso particolarmente significativa! Ah, il bimbo che portava nel grembo quando ha posato per l'originale di quest'opera ora è un bel ragazzino biondo;-)

oliaiklod ha detto...

Alison Lapper Pregnant est un merveilleux hommage à une actrice émouvante, une femme fantastique et une mère extraordinaire (le modèle qui a posé pour la réalisation de cette œuvre, qu'il est choquant de trouver choquant)
Au travers de cette force de la nature malgré ses énormes handicaps, cette sculpture est un véritable hymne à la femme.
Après Trafalgar square et les Jeux Paralympiques, c'est une fierté pour Venise que d'accueillir cette œuvre temporairement.

Elio ha detto...

Indipendentemente dall'apprezzamento per Allison Lapper ed il messaggio che può dare la sua scultura gonfiabile, non trovo il luogo molto adatto. La Francia docet.
Ciao Fausto, guarda che continuo a fare la promozione degli Alloggi Barbaria. Un enorme saluto.

Città Consapevole ha detto...

Non consco l'artista e quindi non giudico l'opera.
Giudico però la collocazione. Chi l'ha decisa? Un burocrate di qualche sovrintendenza? Il Comune? (o qualcuno per esso?).
Prima di fare queste "puttanate", non possono essere sentiti anche i veneziani? o non contano ... uno "zero" (eufemismo).
Va bene che siamo rimasti ancora in pochi, ma qualcosa conteremo! Oppure contano solo il Sindaco, il Sovrintendente o il Dirigente della Biennale o qualcun altro?
Basta farci prendere per il c ... esto!

Sergio

luci ha detto...

"Boy with Frog" e “Alison Lapper Pregnant” sono opere che in se mi piacciono ma sinceramente mi lascia perplessa la loro collocazione. La mescolanza tra arte e vita e in particolare la sovrapposizione tra un opera e un’altra mi lascia sempre un po’ basita.
Sicuramente collocare opere impreziosisce e rivitalizza la città ma mi sorgono sempre delle domande. L’opera deve sposare il contesto? Il suo messaggio è più efficace all’esterno piuttosto che in un luogo particolare come un museo? Siamo così abituati ad un sovraffollamento di immagini, siamo certi che collocare un’opera in un logo pubblico interessi alle persone o ci passeranno davanti come passano davanti ad un cartellone pubblicitario. Per avvicinare le persone all’arte è meglio collocare un’opera in una piazza o organizzare , come ultimamente si fa, degli spriz-aperitivi in museo?
A VOI L’ARDUA SENTENZA!!
Ciao Luci

Fausto ha detto...

Ai lettori: Leggendo i vostri commenti vedo che le opinioni sono alquanto discordanti e ciò conferma che l'opera fa parlare di sè. Credo quindi che l'autore abbia raggiunto il suo scopo. Personalmente l'opera non mi dispiace, mentre la collocazione....
Ciao a tutti!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails