giovedì 30 settembre 2010

Porte d'Acqua a Venezia

Porta d'acqua a Venezia

Le porte d'acqua a Venezia erano nei secoli scorsi i principali ingressi di case e palazzi. Le porte d'acqua a Venezia si trovano infatti lungo i canali e rii della città. Esse servivano sia per far rientrare in casa i proprietari dal loro giro in barca per Venezia, che per far immagazzinare le merci necessarie al sostentamento dell'abitazione. Le porte d'acqua erano quindi fondamentali a Venezia e venivano chiuse e mantenute in ottima efficienza, data la loro importanza. Nei secoli scorsi il traffico acqueo era molto più frenetico di quello attuale, a scapito di quello pedonale. La grande maggioranza degli spostamenti a Venezia avveniva in barca. Per avere un'idea è sufficiente osservare le tele dei grandi vedutisti del settecento con barche ovunque, ad intasare spesso i rii. In questo post preferisco però soffermarmi sulle porte di edifici normali piuttosto che su quelle dei palazzi in Canal Grande, queste ultime ricevono di certo molta più attenzione perché sono esposte allo sguardo di centinaia di turisti ogni giorno. Basta fare un giro per i canali della città per rendersi conto della situazione a dir poco disastrosa in cui versano gran parte delle porte d'acqua a Venezia. Alcune sono sconnesse, altre sono cadenti, altre ancora sono addirittura aperte o assenti. Ciò è dovuto in alcuni casi all'incuria dei proprietari degli edifici, ma non sempre è così. Essendoci molte case sfitte a Venezia, non c'è nessuno che in quelle abitazioni possa controllare le porte d'acqua. Spesso le porte hanno corrosa la parte inferiore (vedi ultima foto), cioè quella che più resta a contatto con l'acqua durante le alte maree. Quasi tutte le porte d'acqua a Venezia sono in legno mentre poche sono costituite da cancelli metallici (vedi prima foto). La porta d'acqua di casa mia è stata rifatta qualche tempo fa, tuttavia adesso è difficile chiuderla e i serramenti sono tutti arrugginiti. Il livello medio del mare si è innalzato negli ultimi decenni (si parla di circa 30 centimetri) per cui le porte sui canali di Venezia stanno sempre più a contatto con l'acqua: che vengano danneggiate è quindi normale. E qui faccio una considerazione finale. Gli abitanti a Venezia sono sempre meno e di conseguenza non solo le porte, ma anche gli edifici sono poco controllati rispetto al passato. Come spesso accade a quelle case più lontane dagli sguardi dei turisti. "Occhio non vede, cuore non duole….".


Venezia: porta d'acqua
Porta d'acqua disastrata
Porta d'acqua aperta
Porta d'acqua malridotta

5 commenti:

emilia ha detto...

Sì, si possono vedere solo dall'acqua ed impressionano. Una volta le usavano molto, ora son lasicate al loro destino quelle porte d'acqua... Ma una di queste fotografate non è della Casa delle cinque teste? Il portale gotico è della dimora del gode Francesco Morosini.

Rayna ha detto...

bellissimo post, peccato le porte d'acqua...

emilia ha detto...

Volevo mandarti via mail qualche foto con quelle porte che ti piacciono "da matti" ma tutte e 3 o 4 che ho trovate erano di scarsa qualità, parzialmente sfuocate, sui canali è dificile foculizzare (se si dice così). Forse però dal filmato si può scavare qualche bella immagine ma ne dubito :)

Fausto ha detto...

emilia: Purtroppo ho voluto documentare lo stato precario in cui versano alcune di queste porte d'acqua a Venezia.
Nessuna delle foto mostra la porta d'acqua della Casa delle Cinque Teste. Non mi ricordo dove ho scattato la foto del portale gotico.
----
Le porte d'acqua malridotte non mi piacciono, però sento il dovere di mostrarle a chi normalmente non ne ha la possibilità. C'è una Venezia dalla bellezza idilliaca, ed una Venezia decadente che a volte risulta scomoda da vedere. Io ho scelto di mostrarle
entrambe.
Buona serata.

Rayna: Le porte d'acqua dovrebbero essere mantenute in condizioni accettabili. Un peccato trovarne molte ridotte così.
Ciao.

Claudio ha detto...

Le "porte d'acqua" di Venezia mi suscitano una struggente nostalgia per i fasti ormai lontani della "Serenissima".Se volete scoprire queste porte ed altri interessanti particolari comodamente seduti davanti al Vs. pc digitate sul motore di ricerca "Venice connected" e cliccate sul link ove appare "maps";quando si apre il sito scegliete l'opzione "the city".Potrete percorrere campi,calli,sottoporteghi e anche i rii,ove potrete sbizzarrirvi procedendo avanti e indietro, manovrando l'immagine a 360°,basculandola in alto e in basso,ingrandendo i particolari e...scopritelo voi stessi!Buon divertimento.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails