lunedì 19 marzo 2012

Interno Chiesa San Tomà


L'interno della Chiesa di San Tomà non l'avevo mai visto. Quindi mi ero riproposto da tempo di visitare l'interno della Chiesa di San Tomà non appena ne avessi avuto l'opportunità. Attualmente la Chiesa di San Tomà è Centro Catecumenale del Patriarcato di Venezia. Tale utilizzo, seppure parziale, ha consentito la conservazione dell'immobile. L'occasione per entrare all'interno della chiesa l'ho avuta durante una serata invernale, al rientro da una delle mie lunghe passeggiate per la città. 
Passando per la Chiesa di San Tomà, alzando lo sguardo, ho notato che da una vetrata si scorgeva dell'illuminazione. Allora mi sono diretto in Campiello del Piovan, ho bussato a una porta che faceva trasparire della luce e ho chiesto se era possibile visitare la chiesa. Una persona gentilissima mi ha accolto e accompagnato all'interno della Chiesa di San Tomà, permettendomi anche di scattare delle foto per condividerle con tutti. Percorrendo il corridoio che mi portava in chiesa ero molto emozionato per la mia prima visita alla Chiesa di San Tomà. Quando ho superato l'ingresso mi si è parata davanti allo sguardo una bellissima chiesa a navata unica, con un pavimento di moquette blu e ben 400 sedie. Lo stato di conservazione della Chiesa di San Tomà è ottimo seppure si verificano alcune infiltrazioni d'acqua nella zona del presbiterio. L'organo adiacente alla facciata principale purtroppo non è funzionante e avrebbe bisogno di una costosa riparazione. L'opera più notevole all'interno della Chiesa di San Tomà è un grande affresco posto sul soffitto. Tale affresco, Martirio di San Tommaso, venne eseguito nel 1780 da Jacopo Guarana. Le altre tele degli altari minori sono state per lo più rimosse e ricollocate in altre chiese della città. Anche l'altare maggiore non c'è più e al suo posto si vede un leggìo e dei seggi in legno (vedi ultima foto). La mia visita all'interno della Chiesa di San Tomà è stata breve ma decisamente appagante. Ho scoperto un'altra gemma nascosta di Venezia che credevo mal ridotta ed invece si è dimostrata estremamente ben tenuta da persone che la curano con passione. A loro va la nostra riconoscenza. Ricordo che la Chiesa di San Tomà non è accessibile al pubblico.
Ed è un vero peccato. 


7 commenti:

Yvonne ha detto...

Isn't it lovely inside that church! I am happy for you that you were allowed to go in, and to take photos.

emilia ha detto...

grazie, Fausto

Maïté ha detto...

Quel dommage qu'elle soit fermée ; merci pour ce partage, bonne soirée Fausto !

Fausto ha detto...

Yvonne: It's really a beautiful church. I am even more pleased to have seen it because I had to wait so long.
Kind regards.

emilia: E' un piacere!
Ciao.

Maité: Nous espérons qu'un jour cette église sera accessible à tous.
A presto.

J@M ha detto...

Merci Fausto pour cette visite inédite.

Sergio ha detto...

La chiesa di San Tomà non la ho mai vista aperta, e di anni ne ho abbastanza.
Sei stato veramente fortunato ad accedervi.
La moquette blu .... un orrore! Forse serve a mantenere i piedi caldi ai catecumenali.

Guarda che è "pericoloso" inserire foto di monumenti!!! Vedi ilmio blog.
Saluti

Sergio

Fausto ha detto...

J@M: Merci à vous.
Bonne journée.

Sergio: Fortunato si, ma ho avuto anche la costanza di controllare di sera centinaia di volte se l'illuminazione della chiesa era accesa. Per entrare in certi posti non basta la semplice fortuna.
Ho letto il tuo interessante articolo. Comunque io considero tutta Venezia come un immenso monumento. Mostrare immagini di Venezia non può che avere come altro effetto quello di incentivare le persone a visitarla, generando un turismo "di qualità" al posto di quello attuale "mordi e fuggi". Spero che le autorità civili ed ecclesiastiche se ne siano convinte. Non sarebbe un risultato da poco considerando che Venezia vive da decenni ormai di quasi solo turismo.
Buona giornata.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails